Paura del dentista?





Da oggi anche i bambini potranno sedersi sulla poltrona del dentista senza preoccupazioni. Come? Scoprilo ora!

La Pedodonzia, anche detta Odontoiatria Pediatrica, si occupa della cura di patologie al cavo orale in pazienti infanti.
In realtà non si tratta di una vera e propria branca della medicina odontoiatrica, poiché non ci sono corsi di laurea dedicata all’argomento.
Ogni buon dentista infatti, per dirsi professionalmente valido, deve necessariamente conoscere tutte le caratteristiche della bocca dal suo primissimo sviluppo, e tutte le malattie in grado di comprometterne le funzioni biologiche.
Quella del pedodonzista è dunque più simile ad una vocazione, una disposizione d’animo positiva nel lavoro su piccoli pazienti, così mi dice sempre il mio dentista di Monza.
I bambini sono di certo i pazienti più disobbedienti e difficili da trattare, e sono necessarie grandi dosi di pazienza e cordialità per riuscire a conquistare la loro fiducia.
Questa è un valore importante nel rapporto tra medico e ammalato, e solo attraverso le vocazioni è possibile raggiungerla e svilupparla, allo scopo di rendere ottimale lo scambio umano e la collaborazione tra le parti.
Molti sono i mezzi usati dai pedodonzisti. Di certo tutti ricorderanno i piccoli doni presenti nelle sale d’aspetto di alcuni studi medici.
Fa sorridere pensare ai dolci e le caramelle spesso usate come “esca” per ingraziarsi i piccoli pazienti: un dentista che prova a conquistare fiducia tramite cibi zuccherosi che mettono a repentaglio la salute orale!
La moderna Odontoiatria ha fatto negli anni passi da gigante, soprattutto nella sperimentazione di anestetici efficaci, in grado di eliminare la sensazione di dolore, prima causa delle paure innestate nei bambini alla sola vista del dentista e degli strumenti necessari allo svolgimento della professione.
Anche loro spesso soffrono troppo lo stress di sottoporsi a visite odontoiatriche, magari ancora influenzati da paure nate proprio nel periodo infantile.
L’auspicio è davvero quello di un utilizzo sempre più frequente di tecniche come la sedazione cosciente, conosciuta anche con il nome di analgesia sedativa, che non hanno controindicazioni e presentano solo una serie di vantaggi sia per il medico che per il paziente.
Basta dunque con i doni e le caramelle, finalmente sembra giunta l’occasione per la professione odontoiatrica di attuare una rivalsa contro tutti i pregiudizi che oscurano il lavoro chirurgico all’interno del cavo orale.
Il deterrente del dolore fisico da oggi rappresenterà sempre di più una scusa frettolosa, senza nessuna base reale ed oggettiva.

home page all on four
implantologia dentale dentista sassari