Aracnofobia





Paura dei ragni


L’Aracnofobia è una patologia di tipo psicologico, che si scatena nel paziente che ne soffre attraverso il contatto o la semplice visione dei ragni.

L’aracnofobia rappresenta una disfunzione particolarmente curiosa, e nei casi più gravi può provocare effetti devastanti come le forti crisi di panico, anche a volte con la visione di un’ immagine dell‘insetto in questione.

Ma cosa può scatenare l’aracnofobia? Il semplice disgusto verso i ragni, può effettivamente far esplodere fenomeni di aracnofobia nella mente del paziente?

La questione è annosa, e solo delle sedute di psicoanalisi possono rivelare le vere cause del sorgere della malattia. Innanzitutto la figura del ragno è legata a temi ancestrali e mitologici.

Il ragno, come il serpente, è sempre stato una fonte di curiosità e ispirazione per l’uomo, che dai tempi dei miti religiosi lo ha reso protagonista di molte vicende per via della sua forma e delle sue caratteristiche e capacità peculiari.

Il folklore popolare ha inoltre influito sulla figura di questi insetti. Il ragno è legato a due diversi livelli interpretativi, uno positivo e un altro negativo. Nel primo caso si tendono ad elogiare le sue capacità nel tessere la tela, la sua precisione tecnica e la laboriosità.

Ma
l’atto del tessere si associa presto all’intrigo, rovesciando così la medaglia in senso negativo, e facendo del ragno un cacciatore furbo, in grado di tendere trappole invincibili. Il suo aspetto e la presunta velenosità del suo morso, si scatenano a livello psciologico in modo conscio nella mente del malato, che non riesce a distaccarsi da questa visione negativa.

Dal disgusto iniziale, la patologia può degenerare in modo grave, fino a rendere impossibile ogni reazione, fino alla crisi di panico che distrugge la mente del paziente, ormai agghiacciato dall’orrore. Naturalmente un certo disgusto verso gli insetti è abbastanza comune, e quasi mai si può parlare di aracnofobia.

La presenza della patologia psicologica è evidente solo se il malato sviluppa a livelli estremi questo disgusto, provando
emozioni negative tanto forti da sfociare nella repulsione, nel terrore, nella paralisi, proprio come se un ragno velenoso l’avesse morso.


home page aracnofobia
psicologi roma schizofrenia